Hacker si dichiara colpevole di ricattare Adafruit, Bleacher Report e altri siti per bitcoin

Ha anche gestito una truffa di „gestione della reputazione“.

Un cipriota si è dichiarato colpevole di aver hackerato e ricattato diverse società statunitensi. Joshua Epifaniou ha ammesso la frode informatica e ha pagato $ 600.000 in restituzione alle sue vittime.

È stato estradato da Cipro e sarà condannato il 3 marzo

Epifaniou ha gestito quello che ha descritto come uno schema di „pirateria informatica, estorsione, ricatto [e] bluff“ dal 2014 al 2016. Usando alias che includevano „Charley Sullivan“ e „Richard Charley“, ha scelto obiettivi in base alle loro classifiche di traffico di Alexa. Ciò lo ha portato a diverse attività online ben note, tra cui il sito sportivo di proprietà di Turner Broadcasting Bleacher Report , la società di elettronica fai-da-te Adafruit e il portale di giochi con sede in California Armor Games.

Epifaniou ha sfruttato le vulnerabilità della sicurezza o ha collaborato con i co-cospiratori per accedere a informazioni sensibili di queste società, quindi ha chiesto un riscatto in bitcoin in cambio del non rilascio pubblico. Secondo un’accusa , ha minacciato di pubblicare online l‘ intero database degli utenti di Bleacher Report , estorcendo con successo circa $ 19.000 in bitcoin da Turner. (Epifaniou apparentemente aveva accesso solo a una parte del database, che ha ricevuto da un cospiratore.) Armor Games ha pagato $ 1.650 in bitcoin dopo aver violato la sua rete di computer e minacciato di rilasciare l’account utente ei dettagli di pagamento.

Un atto d’accusa separato dall’Arizona afferma che Epifaniou ha preso di mira anche il sito di reclami dei consumatori Ripoff Report

Come parte di questo programma, ha ottenuto l’accesso ai record Ripoff Report e alle aziende mirate con servizi di „gestione della reputazione“, eliminando almeno 100 reclami e addebitando circa $ 3.000 a $ 5.000 per ciascuno.

Epifaniou si è dichiarato colpevole di un’accusa di cospirazione per frode informatica e un’altra di aver ottenuto informazioni da un computer protetto. Ogni accusa comporta un massimo di cinque anni di carcere e il suo patteggiamento raccomanda quasi cinque anni di detenzione seguiti da tre anni di rilascio controllato. Ha anche accettato di lavorare come investigatore sotto copertura per il governo degli Stati Uniti.